Associazione Biblica della Svizzera Italiana | Monografie – No 18 – Giugno 2015

Monografie – No 18 – Giugno 2015


  • 10 Oct


  • admin

Leggere Bibbia e Corano per vivere insieme

di Renzo Petraglio

Monografie – No 18 – Giugno 2015

Prefazione

Bibbia e Corano, Corano e Bibbia: due raccolte di testi mediterranei e mediorientali, che hanno notevolmente influenzato e influenzano tuttora la vita di milioni e milioni di persone da un capo all’altro del nostro pianeta. Il Corano è stato redatto tenendo conto di vari passi biblici? La risposta a questa domanda è affermativa, ma certamente non appaiono trascurabili le differenze riscontrabili tra gli scritti primo e neo-testamentari, che si possono legittimamente mettere a confronto con vari capitoli coranici, e questi stessi brani del Corano.

Questo diciottesimo numero della serie “Parola&parole – monografie” nasce da una precisa volontà di confronto culturale e di dialogo esistenziale: il suo autore, il collega e amico Renzo Petraglio, ha dedicato e dedica molte sapienti ed appassionate energie, dalla mente al cuore, dal cuore alla mente, anche allo studio di Bibbia e Corano, secondo una prospettiva intensamente esistenziale ed intelligentemente dialogica.

Petraglio percorre da molti anni le pagine bibliche e coraniche con la competenza tecnica dello studioso raffinato e una costante passione formativa ed educativa profondamente umanizzante. A quale scopo? Far conoscere testi e valori propri di questi antichi libri per favorire una vita fatta di gioia e comprensione tra persone

diverse in vari luoghi del mondo. In questa monografia sono proposte, in traduzione italiana, dieci serie di letture e riflessioni di testi biblici e coranici che Petraglio ha indirizzato, in momenti religiosamente forti – Avvento, Quaresima e Ramadan – ai membri del Centro Giovani Kamenge, una grande istituzione culturale che, a Bujumbura, capitale del Burundi[1], propone a migliaia e migliaia di giovani e adulti itinerari di formazione improntati al dialogo interreligioso e alla promozione umana integrale delle donne e degli uomini di quella complessa zona dell’Africa e non solo di essa.

Abbiamo deciso di mantenere le caratteristiche del genere letterario originale di questi scritti – la colloquialità, la forma di lettera aperta, i riferimenti ripetuti e appassionati alla realtà burundese – perché ci sono sembrati un valore aggiunto alla rilevanza formativa di queste pagine. Il senso di pubblicarle da parte della nostra associazione è duplice: contribuire, ancora una volta, alla formazione interculturale e al dialogo interreligioso[2] a partire dal confronto, sia pure per frammenti ed esempi, con le fonti testuali; offrire occasioni di riflessione radicalmente umanistica e ampiamente religiosa che siano alla portata culturale di tante persone molto eterogenee.

Appare evidente agli occhi di tutti quanto ci sia bisogno oggi di costruire una cultura del dialogo tra credenti religiosi, credenti di altra ispirazione e non credenti nel nostro Pianeta. Anche per questo motivo siamo grati a Giuseppe La Torre, pastore evangelico ed esperto di cultura islamica e di dialogo interreligioso[3],

per aver acconsentito con favore di pubblicare un suo recente articolo giornalistico[4] nell’ultima parte di questa nostra monografia. La storia di questi anni è contraddistinta, in varie sue zone, da situazioni in cui la violenza cruenta sembra essere la sola modalità che certi gruppi conoscono per affermare anche la propria identità religiosa.

Nello stesso Burundi si stanno profilando circostanze che fanno ritornare alla mente momenti di atroce contrapposizione di un passato non tanto lontano.

Ci auguriamo che anche questo nostro ultimo volumetto possa offrire a lettrici e lettori spunti di concreta speranza per un avvenire al di fuori di ingenuità culturali, buonismi gratuiti e ostilità preconcette. Chi guarda alla Bibbia e al Corano come punto di riferimento etico ed estetico per la propria vita deve poter contribuire, per sé e per altri, ad una convivenza civile sempre più consapevole delle ragioni della giustizia comune, al fine di realizzare percorsi di riconciliazione e di pace sempre più luminosi e concreti, per il bene di tutti, in qualsiasi luogo del mondo.

Ernesto Borghi

 


> elenco delle riviste


Ordina libro

Richiedi informazioni o ordina il libro
compilando questo formulario

Nome

Email

Titolo libro

Commento