Associazione Biblica della Svizzera Italiana | 2014/05/vg_maggi_18-5-14_cont
2014/05/vg_maggi_18-5-14_cont

quali lui comunica e arricchisce la vita degli altri – sono l’unico criterio di credibilità.

Il finale è espresso in formula solenne, con l’Amen, Amen, cioè «In verità, in verità vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio» le opere di Gesù sono tutte comunicazioni vitali per gli altri – e poi Gesù dice – e può sembrare sbalorditivo, “«ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre»”.

Come si fa a compiere azioni più grandi di Gesù?

Gesù non ha potuto rispondere a tutti i bisogni dell’umanità, ed è nella comunità dei discepoli che si rifà al suo nome e mette come unico valore assoluto della propria esistenza – l’unico e sacro – il bene dell’uomo, una comunità che si mette in questo dinamismo dell’«essere verità», quindi non di avere la verità per giudicare gli altri, ma di essere per avvicinare tutti, questa è una comunità dove l’azione divina crescerà e sarà in misura traboccante a favore degli altri.

Dice Gesù: “Tutto questo sarà perché io vado al Padre”, perché lui collabora con loro. Quindi Gesù li rassicura che la sua morte non sarà un’assenza, ma una presenza ancora più intensa e vivificante.