Associazione Biblica della Svizzera Italiana | TU SEI PIETRO, E A TE DARO’ LE CHIAVI DEL REGNO DEI CIELI_cont.
TU SEI PIETRO, E A TE DARO’ LE CHIAVI DEL REGNO DEI CIELI_cont.

«Tutto ciò che legherai sulla terra»”, qui l’evangelista adopera un linguaggio rabbinico, che significa dichiarare autentica o meno una dottrina, «sarà legato nei cieli»”, cioè in Dio, «E tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli»”. Quello che Gesù ora dice a Pietro poi più tardi, al capitolo 18,18 lo dirà a tutti i discepoli.

Le ultime parole che Gesù adopererà in questo vangelo rappresentano l’invio dei discepoli ad andare ad insegnare “tutto ciò che vi ho comandato”. Quindi nell’insegnamento di Gesù, questo messaggio che comunica vita, c’è l’approvazione divina, da parte dei cieli.

Però, ecco la sorpresa, “Ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo”. Quando Gesù ordina significa che c’è resistenza. Nella risposta di Pietro c’era stata una parte positiva in quanto ha riconosciuto Gesù come il figlio del Dio che comunica vita, il Dio vivente, ma la parte negativa qual è? La gente ha detto che tu sei il Cristo, cioè il messia atteso dalla tradizione. Allora Gesù dice: “questo non lo dovete dire a nessuno”, perché lui non è il messia atteso dalla tradizione.

Gesù è Cristo, è il messia, ma in una forma completamente diversa, non adopererà il potere, ma l’amore; non il comando, ma il servizio. E questo provocherà adesso lo scontro proprio con Simone. Quello che era stato definito “pietra” da costruzione, diventerà una pietra di scandalo.

 

> testo in pdf

> inizio pagina

> Commento al Vangelo

> Formazione biblica

 

 

Consegna delle chiavi san Pietro

CONSEGNA DELLE CHIAVI A SAN PIETRO

di Ambrogio Buonvicino (Basilica di San Pietro in Vaticano)